DISCOGRAFIA – 33 Giri/45 Giri/CD

33 Giri (LP)

1974 BIGLIETTO PER L’INFERNO Trident TRD 1005 Euro 800,00

Pubblicato nell’Aprile 1974 dalla milanese Trident Records S.R.L., l’LP “Biglietto per l’Inferno” presenta una confezione a busta, non plastificata. Il front cover è costituito da un pregevole lavoro, parrebbe una fotolitografia, firmata da Caesar Monti, grafico veterano del mondo discografico, da una fotografia in bianco e nero di Claudio Canali nell’atto di saltare, con una lancia tra le mani, posta orizzontalmente appena sopra il viso, forse in procinto di essere spezzata, quasi a simboleggiare la rottura del patto con il diavolo e, insieme, la sintesi del ragionamento di “guerra dichiarata alle forze del male”, estesamente illustrata nei solchi di un disco decisamente anomalo, comunque affascinante nel panorama dell’hard prog dell’Italia dei ’70. L’immagine, occupante la parte centrale della copertina, è inserita all’interno di un’ipotetica scatoletta di cibo conservato , modello tulip, scatola completamente aperta sul suo lato superiore da una mano, sita nell’angolo alto a destra, che afferra la chiavetta, con la superficie laminata arrotolata su se’ stessa. In basso, sotto la figura del cantante compare la scritta, sempre in b/n, “Biglietto per l’Inferno”, risultando assente ogni ulteriore riferimento, sia per quanto riguarda la Casa Discografica, sia il numero di catalogo. Questi dati sono, però, posti nella parte inferiore della back cover, nello stesso sito della scritta sopra indicata, riportando in elenco, precisamente, nell’ordine, dall’alto in basso: a) il logo della Trident, formato da un cerchio all’interno del quale si riconosce la testa del dio del mare, il barbuto Nettuno con, a fianco, il tridente, b) la distribuzione affidata alla Fonit Cetra c) la sede legale della Casa torinese d) il numero di catalogo del microsolco, “TRI 1005” e) la scritta “Foto: Caesar Monti” . Le novità ulteriori rispetto alla front cover, sono nell’ assenza della mano, nell’angolo superiore destro, e nell’immagine di Canali, qui riprodotto sempre in aria, con la lancia spezzata tra le mani, ed il viso totalmente tirato all’indietro, a rimarcare la contrazione nello sforzo. Sicuramente, tra le più belle copertine mai realizzate in Italia. All’interno, le prime copie del disco avevano un inserto in cartoncino, a cura della Trident, che presentava l’opera in quindici righe, ed indicava i nominativi dei musicisti, con i rispettivi strumenti, quali “I viaggiatori per l’inferno”. Altra particolare curiosità viene dalle scritte poste a fianco a Claudio Canali, ossia “Voce, percussioni, flauto”, essendo da sempre risaputo che Mauro Gnecchi, che comunque compare, fosse l’unico batterista e percussionista del gruppo.

La data di stampa stampigliata alla fine dei solchi di entrambe le facciate ( run off groove ) è “28/3/04”. Il logo, già descritto più sopra, presenta sul side A il disegno, di colore argento, del dio Nettuno a tutto campo, con sfondo blu indaco. Sul side B, di pari colorazione, sono invece riportati i titoli dei brani delle due facciate, con i rispettivi autori e, in dimensione ridotta, il logo, questa volta modificato, ossia con il solo tridente, senza Nettuno.

Da ricordare, infine, la pubblicazione, contemporanea al LP, dell’audiocassetta ( TRD 1005 ), recante titolo diverso rispetto al LP, ossia, con l’aggiunta dell’articolo indeterminativo “un”, “Un Biglietto per l’Inferno”.

 

45 GIRI

1974 UNA STRANA REGINA/CONFESSIONE Trident TRN 1005 Euro 350,00

Rarissimo singolo, estratto dal LP, allo scopo di “promuovere” sul mercato discografico il bellissimo album, pubblicato alcuni giorni prima. Alla fine dei solchi delle due facciate è, infatti, stampata la data : 10/4/74 (run off groove). La copertina del front cover è esattamente identica a quella del long playing, mentre la back cover, a differenza del 33 giri, contiene soltanto scritte, e più precisamente, dall’alto in basso : a) “Biglietto per l’Inferno”, in stampatello e b/n b) il titolo del brano contenuto nella facciata A, ossia “Una strana regina” c) il pezzo del B side, “Confessione”. Inoltre, nell’angolo superiore destro, compare il logo in b/n della Trident, con Nettuno e il tridente. In basso, angolo sinistro, in elenco, dall’alto in basso, leggiamo “Produzione : Maurizio Salvadori”; quindi : “Edizioni : Usignolo”; quindi : “Distribuzione : Fonit Cetra”. Infine, nell’angolo inferiore destro, abbiamo la scritta “Trident srl” (prima riga), cui segue l’indirizzo della sede milanese della società (seconda riga). Il vinile presenta logo di colore nero con scritte argentate, con i titoli, il numero di catalogo del singolo, gli autori. All’interno del cerchietto del marchio, troviamo il tridente, senza Nettuno e, lungo la circonferenza parte- interna, il nome della Casa Discografica.

 

CD BIGLIETTO PER L’INFERNO

L’edizione digitale ( Vinylmagic – VM 006 ), pubblicata nel 1993, contiene, oltre a foto del gruppo e ai testi delle canzoni, un brano in più rispetto alla edizione in vinile, essendo stata inclusa l’inedita versione strumentale di “Confessione”. Il CD ha avuto, in seguito, diverse stampe, tra cui, in ultimo, una deliziosa edizione cartonata (digipack), sempre con grafica originale. Inoltre, ancora in CD con copertina cartonata, è reperibile sul mercato, il “Live 1974 Biglietto per l’Inferno”, di notevole fattura per l’ottima qualità della registrazione, ulteriore testimonianza della assoluta professionalità e dell’elevatissimo livello artistico di questi musicisti nostrani, anche nella dimensione del concerto rock ( BTF – BG 003 CD ), prodotto contenente sei brani complessivi, ossia “Il tempo della semina” e le cinque composizioni del long playing della Trident.

 

33 GIRI (LP)

1992 IL TEMPO DELLA SEMINA Mellow Records MMLP 103 Euro 180,00

Registrato verso la fine del 1974 negli Studi Regson di Milano, è stato pubblicato in limited edition dalla sanremese Mellow Records nel 1992. La confezione di questa ormai rara edizione vinilica è gatefold, con copertina elegante, occupata da una illustrazione a colori ispirata alla Divina Commedia di Dante Alighieri, “Hell, Canto 18”, della quale non è indicato l’autore. Trattasi di uno spaventoso scorcio pittorico dell’Inferno dantesco, Ottavo Girone, con la terribile scena di un demone, raffigurato nell’atto di arpionare l’anima di un dannato, assegnato alla Bolgia degli adulatori e dei seduttori, che annaspa nelle acque del “fiume nero di pece”. L’immagine si estende anche nella back cover, per circa una metà della superficie destra della stessa, lasciando libera la sezione sinistra, dal sottofondo giallo ocra, su cui son disposti, nella parte superiore, da destra a sinistra, il titolo del LP, il nome del gruppo, entrambi verticalmente disposti, e una significativa fotografia in b/n della formazione, con Claudio Canali in evidenza, nell’atto di urlare e falciare in aria, con il vistosissimo attrezzo agricolo nelle mani. Nella parte inferiore, si notano, oltre al numero di catalogo del disco ed al logo della Casa Discografica, la “executive production”, l’indirizzo della sede sanremese della Mellow Rec., il sito Internet e l’E-mail. All’interno della copertina gatefold, un’unica, meravigliosa istantanea in b/n del gruppo, “in azione” su un palco all’aperto, durante una esibizione “live”. La busta contenente il vinile presenta, su un lato, i testi dei sei brani cantati, disposti tra ben sette foto in b/n del gruppo e dei componenti; sull’altro lato, al centro, i titoli, suddivisi per facciata, i nomi dei musicisti, con la rispettiva strumentazione. Più sotto, a concludere, compaiono, in due righe, le scritte : a) “Tutti i brani composti da Canali-Cossa” e b) “Foto di Caesar Monti”.

Sul lato A del vinile, troviamo, senza alcuna scritta sovrapposta, la riproduzione della stessa scena dantesca della front cover, mentre, sul lato B, sono estesi, su sottofondo giallo, il logo della Casa Discografica, rappresentato da una sezione di un limone, il numero di catalogo, i titoli, gli autori. Su entrambe le facciate, è assente, alla fine dei solchi (run off groove), qualsiasi riferimento a date.

Due curiosità: 1) Se fosse stato pubblicato nel 1975, con tutta probabilità, “Il tempo della semina” avrebbe avuto la produzione dell’amico Eugenio Finardi; 2) Se nel 1975 non fossero stati prematuramente chiusi, per difficoltà economiche, i battenti della Trident Records Srl, sarebbe stato pubblicato, dalla casa milanese, non solo il LP “Il tempo della semina”, ma anche un singolo, da esso estratto, con i due brani “L’arte sublime di un giusto regnare” e “Solo ma vivo”.
 

CD IL TEMPO DELLA SEMINA

Come già precisato nell’articolo, risultano a tutt’oggi pubblicate due edizioni in digitale, non cartonate, de “Il tempo della semina”, l’una, del 1992, dalla Mellow ( MMP 106 ), l’altra, recente, dalla Trident ( TRI 1009 ), entrambe con art-work differente, tra loro ed anche rispetto all’ edizione in LP, ma riproducenti in comune, sulla front cover, la suggestiva, descritta, “foto di gruppo con falce” di Caesar Monti, sita sulla back cover del trentatre della Mellow. Inoltre, mistero dei misteri, entrambe le edizioni in digitale contengono, in meno, la traccia strumentale denominata “Senza titolo”, rispetto al 33 giri pubblicato nel 1992 dalla Mellow, che la contempla quale ultimo pezzo, il 7° per la precisione, nel B side. Per una volta tanto è, quindi, sovvertita, a favore del LP, la prassi del “bonus track”. Altra rilevante curiosità è che, a differenza di quanto indicato nel LP Mellow, nel CD Trident tutti i brani vengono accreditati al Biglietto per l’Inferno, anziché a Canali-Cossa.

Articolo – Intervista - Discografia di PIO DE BELLIS